#iostoconsofia

Oggi avevo pensato di pubblicare un post sulla settimana che abbiamo appena trascorso al mare. Poi ho aperto la mail e ho letto questo articolo della mia amica blogger Mammadalprimosguardo.

Come molti di voi, ho conosciuto Sofia tramite la trasmissione Le Iene. Quando ne ho sentito parlare la prima volta ero incinta. Ho pianto. E tra le lacrime ho pregato che la creatura che stava crescendo dentro di me fosse sana e che mai nella vita avremmo dovuto affrontare ciò che Sofia e i suoi genitori vivono ogni giorno.

Su cellule staminali e cure compassionevoli si è detto e scritto tanto. Personalmente nutro qualche perplessità sulla figura del noto Davide Vannoni. Ma su una cosa non ho dubbi: Sofia e tutti i malati nelle sue condizioni hanno diritto di vivere. E di vivere meglio di così:

Foto dal web

 Nessun medico guarderà mai Sofia con gli stessi occhi con cui la sua mamma e il suo papà ogni giorno si prendono cura di lei. Per questo motivo se Guido e Caterina sostengono che le condizioni di Sofia, grazie alle infusioni di cellule staminali, sono migliorate, nessun medico, luminare o ministro può sostenere il contrario.

Sofia ha diritto alle cure compassionevoli. Punto. Non c’è altro da aggiungere. Poi chi di dovere controllerà, sperimenterà, ricercherà, scriverà leggi nuove e più giuste. Ma Sofia e tutti gli altri devono vivere. Devono poter stare meglio. Ognuno deve poter scegliere per sè e per i propri figli. Se fosse la mia bimba a stare male le tenterei tutte. Guido, Caterina e gli altri genitori devono avere questa possibilità. Di fronte agli sguardi di questi bimbi la nostra Italia non può voltarsi dall’altra parte.

Per questo motivo ho subito aderito all’iniziativa dell’associazione Voa Voa onlus, creata dai genitori di Sofia e invito tutti voi a inviare all’indirizzo mail iostoconsofia@voavoa.org una vostra fotografia che vi raffiguri con la scritta #iostoconsofia. Le foto saranno raccolte qui. Facciamoci sentire. Per Sofia. Per i suoi genitori. E per tutti noi che potremmo essere al loro posto.

Aurora sta con Sofia

Sara

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *